giovedì 16 febbraio 2012

Quattro giorni a Siviglia

Ormai sono passati più di 2 anni dal nostro lungo weekend di piacere a Siviglia, ma come spesso mi accade quando mi trovo bene in un posto, ancora oggi il ricordo è più vivo che mai.
Nonostante fossimo a dicembre, le giornate trascorse sono state soleggiate e miti, permettendoci di visitare Siviglia nel modo migliore che un turista possa desiderare, a piedi!
Merito anche della posizione strategica del nostro hotel Melia Sevilla, a due passi dall’immensa Plaza D’Espana e dal Parque Maria Luisa.


Il centro di Siviglia è davvero suggestivo, con l’imponente Catedral de Santa María de la Sede in stile gotico/barocco (una delle più grandi al mondo),  la bellissima torre della Giralda, l’antico minareto alto 70 metri da cui ammirare uno dei panorami più belli di Siviglia e ancora El Alcazar, il palazzo reale moresco dagli incredibili mosaici e i lussureggianti giardini.





Devo dire che sono rimasta molto colpita dalla vivacità di questa città dell’Andalusia. Siviglia è una città universitaria, sede anche di progetti Erasmus, quindi piena di locali e di giovani che li frequentano.
Qui la regola, adottata a dire il vero un po’ in tutta la Spagna, è quella di passare la serata saltando da un locale all’altro, birra e tapas al seguito.
Abbiamo felicemente sposato questa consuetudine locale e in pochi giorni siamo riusciti a scovare dei locali davvero caratteristici.
Primo su tutti la Bodega Santa Cruz - Las Columnas, un’istituzione qui in città. E’ uno dei locali più tipici di Siviglia, lo spazio interno è davvero ristretto e questo lo porta ad essere sempre gremito.
La consuetudine è quella di stare tutti in piedi intorno al bancone ordinando, urlanti, al cameriere, ma si può anche stare fuori sotto il porticato, cerveza (ovviamente quella locale, la Cruzcampo) e montaditos in mano. Una delle cose più caratteristiche di questo posto è il veder segnare con un gessetto direttamente sul bancone il numero di birre e di “stuzzichini” ordinati! #takeiteasy



Altri posti famosi dove passare a bere/mangiare qualcosa sono la Bodeguita A Romero, noi siamo stati in quella in calle Antonia Díaz 19, e Casa Pepe Hillo, in Calle Adriano 24 alle spalle della Plaza de Toros.



Per cenare a base di pesce in un posto davvero suggestivo ma alla mano, vi consiglio il Kiosco de Las Flores nel quartiere di Triana. Qui nonostante fosse inverno, abbiamo mangiato sulla terrazza all’aperto con le stufe “a fungo”,  godendo a pieno del panorama sul Guadalquivir con la Torre dell’Oro illuminata sullo sfondo. La specialità del Kiosco è il pesce fritto, quindi calamari, gamberoni e acciughe come se piovessero.


Restando in tema pesce,  abbiamo scoperto che il piatto tipico di Siviglia è il baccalà, cucinato in tutti i modi e le maniere possibili.
Noi abbiamo gustato questa delizia in un ristorante proprio accanto al nostro hotel, il Baco Borbolla. Per me baccalà al latte (e aglio), per mio marito baccalà fritto.


Nonostante entrambi i piatti fossero davvero buoni, ricordo con più piacere il dessert, un gelato alla vaniglia inondato di liquore calvados…ancora mi sembra di sentirne il sapore!
Buena estancia y ¡buen provecho!

Nessun commento:

Posta un commento